Il Festival

Visioni Corte Film Festival è un progetto culturale con una grande ambizione: diffondere la bellezza, la cultura e le tradizioni del Sud Pontino. Nel Golfo, Minturno si può considerare un diamante ancora grezzo, poco conosciuta, se non per il lungomare di Scauri, che sfrutta solo al minimo quelle che sono le sue enormi potenzialità. Con questa iniziativa l’Associazione Culturale “Il Sogno di Ulisse” vorrebbe arrivare a tutta la penisola italiana e uscire anche dai confini nazionali per giungere nel cuore dell’Europa e oltreoceano. Il nostro Festival si pone infatti come un evento internazionale, destinato all’Italia e all’estero.

Nel dettaglio Visioni Corte Film Festival è un concorso di tipo cinematografico, della durata di cinque giorni, indirizzato a tutti gli autori e i registi di cortometraggi indipendenti, che non hanno grandi mezzi economici o che, comunque, non lavorano per grandi case di distribuzione. Il festival si pone come obiettivo quello di diffondere il talento di tanti giovani e meno giovani che si appassionano al mondo cinematografico, abbracciando ambiti diversi, per consentire libertà di interpretazione e creatività degli autori emergenti.

Cinque in tutto le sezioni alle quali partecipare. L’intento è quello di offrire a professionisti e non, indipendentemente dal budget a disposizione, la possibilità di confrontarsi in una categoria omogenea, che permetta inoltre alla Giuria Tecnica di fornire con maggiore semplicità una valutazione più equa alle opere in concorso. Le categorie previste sono:

  • CortoFiction Italia: rivolta a qualsiasi tematica e genere e dedicata esclusivamente ai registi e produttori italiani. Spazia dal drammatico alla commedia, al thriller, ecc. Le storie possono essere inventate o adattamenti o ispirate a fatti realmente accaduti;
  • CortoFiction International, dedicata alla fiction nel senso più ampio del termine e riservata ai registi e produttori stranieri: può riguardare l’animazione, così come storie inventate di diverso genere (drammatico, commedia, thriller) o adattamenti di libri o racconti o fatti realmente accaduti.
  • CortoMusic: rivolta a videoclip e videoarte. Possono partecipare video musicali di cantanti o gruppi emergenti, o videodocumentari accompagnati da musiche originali;
  • CortoDoc: rivolta ai documentari o reportage, di qualsiasi genere;
  • CortoAnimation: rivolta a storie di animazione di qualsiasi genere e realizzate con qualsiasi tecnica, anche la stop-motion. L’argomento è libero.

La manifestazione ha luogo nella suggestiva cornice del Castello Baronale di Minturno. Tale scelta è determinata da due precise intenzioni: la prima è quella di far conoscere ai partecipanti del concorso e a tutto il pubblico che si presenterà, la bellezza di Minturno, il suo stupendo panorama e il meraviglioso Castello Baronale, che si presta molto bene a manifestazioni di tale genere. Inoltre il mese di Ottobre, che è considerato a ragione un “mese morto” sia dal punto di vista turistico che sociale, sarà per la prima volta nel nostro territorio un periodo “vivo” e di fermento per la comunità, in quanto l’evento coinvolgerà un numero consistente di persone.

Poiché la manifestazione durerà cinque giorni e i partecipanti che si attendono verranno anche da molto lontano, la manifestazione creerà un indotto dal punto di vista turistico, in quanto si auspicano prenotazioni presso alberghi e luoghi di ristorazione. E’ intento dell’Associazione Culturale “Il Sogno di Ulisse” organizzare per i partecipanti al concorso, durante le ore libere della mattina, visite guidate per il territorio al fine di far conoscere e ammirare le bellezze del luogo, come il Complesso Archeologico di Minturnae, il centro storico di Minturno, le Mure Megalitiche di Scauri, la Torre dei Molini, i resti della Villa romana di Marco Emilio Scauro, il Porticciolo Romano di Gianola con relativo Parco Riviera di Ulisse, il bellissimo lungomare scaurese e il resto del Golfo con Formia e Gaeta.

Nella sua prima edizione (8-10 Novembre 2012) Visioni Corte ha totalizzato circa 500 spettatori, di cui oltre 200 solo nell’ultima serata. Un successo di pubblico davvero notevole, che lascia intendere l’interesse del territorio per un evento culturale di prim’ordine.